torna alla hometorna alla hometorna alla home
sabato 16 dicembre 2017
chi siamomappa del sitoeventireportsechi di cronacanews on-linecontattinewsletter
Sei in: Scuola
Scuola
Nuove opportunità con il programma Erasmus.

Il progetto Erasmus nasce nel 1987 per opera della Comunità Europea e dà la possibilità agli studenti europei di studiare in una università straniera presente all'interno dell'Unione per un periodo di studio, che va dai 3 ai 12 mesi, legalmente riconosciuto dalla propria università al fine del conseguimento della laurea o diploma. Gli studenti possono così sostenere esami nell'università ospitante facendosi poi riconoscere tali esami anche nell'università del proprio paese.
Il progetto è stato creato per educare le future generazioni di cittadini all'idea di appartenenza a quella che sarà poi chiamata Unione Europea. Dal 1987 Erasmus è passato dallo scambio di 3.244 studenti nel primo anno,  a circa l'1% degli studenti  UE.
Ad oggi circa un milione e mezzo di studenti, grazie alle borse di studio Erasmus, hanno potuto vivere un'esperienza formativa con un respiro europeo. Per molti studenti universitari europei il programma Erasmus offre l'occasione per vivere all'estero in maniera indipendente per la prima volta.
Attualmente 2.199 istituzioni universitarie di 31 paesi  partecipano al progetto Erasmus. La borsa dà diritto ad una somma di denaro mensile e all'iscrizione gratuita nell'università ospitante.
Il progetto ERASMUS consiste in attività diverse. Oltre allo scambio studenti e docenti, è previsto anche sviluppo di programmi di studio o programmi intensivi internazionali. Inoltre, il programma può assumere la forma di una Rete tematica.
Il programma non incoraggia solamente l'apprendimento e la comprensione della cultura ospitante ma anche un senso di comunità tra gli studenti appartenenti a paesi diversi. L'esperienza dell'Erasmus è considerata non solo un momento universitario ma anche un'occasione per imparare a convivere con culture diverse.
Per i primi vent'anni solo gli studenti universitari hanno potuto fruire dei soggiorni  di studio in altri Paesi Europei, ma dal prossimo anno scolastico anche  gli studenti delle Scuole Medie Superiori, a partire dai 16 anni, potranno partecipare agli scambi Erasmus.  Infatti il Parlamento Europeo ha approvato la continuazione e l'estensione del precedente programma e ha stanziato i relativi  fondi.  In prospettiva, entro il 2012 si calcola di poter raggiungere la cifra di tre milioni di studenti in movimento tra le Scuole e Università della UE, raddoppiando così il numero dei circa un milione e cinquecentomila raggiunto dal 1987 ad oggi.
 
Un nuovo ed importante passo verso la “cittadinanza europea” dei nostri giovani!
                                                                                                                                                          a.c. 


Torna alla lista degli articoli per questa sezione
 
 
Web Agency, Sviluppo Mobile, Servizi Cloud, Social Marketing